Come Creare una Password (quasi) Inviolabile


Ciao a tutti cari lettori e lettrici del Dottore dei Computer, come creare password sicure e complesse che siano facili da ricordare?

Le password sono le chiavi (virtuali) per accedere ai nostri sistemi, pertanto potete prendere il miglior antivirus del pianeta, mettere firewall con i controcazzi (è un termine tecnico), impostare sistemi di sicurezza perimetrale all’avanguardia, posizionare guardie armate davanti al vostro PC, MA se la password del vostro sistema è una ciofeca, allora ADIOS alla sicurezza!

Puoi essere davanti al PC, ma la password te la scoprono comunque

Puoi essere davanti al tuo PC, ma la password la scoprono comunque

In questo breve articolo vedo di darvi qualche consiglio per migliorare la sicurezza nel vostro PC impostando password complesse (sai quanto tempo ci vuole per scoprire una password?) ma che si possano ricordare utilizzando UN SOLO NEURONE!

Partiamo subito facendo un elenco delle…

COSE DA NON FARE CON LA PASSWORD

  • Riutilizzare la stessa password per più siti internet “critici”, ad esempio quello della banca, della mail e dei social network.
  • Inserire una cifra alla fine della parola stessa (es. Forbice1).
  • Avere un documento (word, excel…) con scritto all’interno le tue credenziali. Tantissimi malware ci mettono un attimo a ottenere questo file.
  • Utilizzare password con parole di uso comune.
  • Lasciare un foglio a fianco del PC con scritto le tue password.
  • Memorizzare la password nel computer. Se una persona può accederci, automaticamente avrà accesso ovunque.
  • Scrivere nella password nomi di familiari, dei propri animali domestici o della squadra per cui si fa il tifo. Le persone che vogliono accedere al tuo account ti studiano e possono recuperare queste informazioni senza troppa fatica grazie ai social network.password

COSA FARE PER CREARE UNA PASSWORD (QUASI) INESPUGNABILE

1. ASSOCIARE UNA PAROLA AD UN SERVIZIO

Supponiamo che dovete resettare la password del sito del vostro operatore di telefonia. Dovete decidere una parola da associare a questo sito. Potete anche prendere un foglio e scriverlo se può servire a ricordarlo, scrivendo sito e parola. Decidiamo, come esempio, che la parola è Spaghetti (per semplicità ne ho scritta una ma può essere anche composta da due parole, ad esempio “Spaghetti Cotti”).

2. CREARE TABELLA CON CARATTERI SPECIALI

Ora bisogna convertire le vocali con un carattere speciale. Per carattere speciale si intende uno qualsiasi tra questi:  ! ” # $ % & ‘ ( ) * + , – . / : ; < = > ?   @ [ \ ] ^ .

Ad esempio:

  • A diventa @
  • E diventa £
  • I (la i) diventa !
  • O (o di Otranto) diventa #
  • U diventa ^

Ovviamente sentitevi libera di associare ad ognuna di queste vocali la lettera speciale che preferite. Questa tabella di conversione la dovrete poi usare sempre con le altre vostre password.

A questo punto la parola Spaghetti scelta prima diventa Sp@gh£tt! .

3. IL (secondo) MAIUSCOLO

La password Sp@gh£tt! potrebbe risultare ancora troppo facile. Bisogna evitare una cosa molto nota per chi cerca di scoprire le password altrui, ovvero che solitamente la prima lettera è sempre in maiuscolo.

La regola da aggiungere è di mettere solo la seconda consonante in MAIUSCOLO. 

Spaghetti a questo punto diventa sP@gh£tt! .

4. ARRIVA LA CIFRA

Diversi siti internet obbligano a mettere una cifra all’interno della password. In questo caso potete fare una cosa molto semplice, ovvero decidere una cifra (o un numero) che utilizzerete sempre all’interno delle password e lo scriverete subito dopo la lettere maiuscola.

Ad esempio decido di utilizzare come cifra il 7.

La password da sP@gh£tt! diventa sP7@gh£tt! .
spaghetti

Ora puoi anche prendere un foglio con scritto solo “nome operatore di telefonia” e a fianco “spaghetti”, solo voi saprete la modalità di conversione!

Perché ho messo il (quasi) nel titolo dell’articolo?! Ricorda, per tanto che si possa mettere una password complicata, l’unico dispositivo al mondo che non può essere violato non è mai andato su Internet, non ha alcun disco interno o esterno collegato e possibilmente non è mai stato collegato alla corrente elettrica!

E a proposito di sicurezza, scopri come usare con utente standard un programma da amministratore.

Ciao dal Doc!

Lascia il tuo commento

E' il primo commento!

avatar
wpDiscuz