Consigli per Ridurre lo Spam

Ciao a tutti cari lettori e lettrici del Dottore dei Computer, mi rivolgo a tutte quelle persone che quotidianamente ricevono mail, mail e ancora altre mail di spam.

Lo spam è la pratica di inviare verso indirizzi generici, messaggi ripetuti ad alta frequenza, di carattere solitamente commerciale, truffaldino oppure offensivo, tali da generare fastidio da parte del destinatario e di conseguenza indesiderati.

ridurre-spam

Cerco con questo articolo di venirvi incontro dando qualche consiglio non tanto per eliminare definitivamente il problema (è pressoché una utopia) ma quanto meno fare tutto il possibile per limitare al massimo la ricezione di queste mail che fanno perdere tempo e possono essere fonte di problematiche.

Lo spam non è solo veicolo di pubblicità oppure truffe per diventare ricchi facendo un piccolo assegno ad un principe con gravi problemi di salute, bensì è diventato anche un veicolo di virus: sempre più spesso contengono al loro interno allegati o link dannosi che possono costituire un serio problema per il vostro PC e per tutti i vostri account online.

Preciso una cosa. Ricevere mail di spam è “normale” (purtroppo), certo se le mail ricevute sono più di 2 al giorno (escludendo quelle che fanno a finire automaticamente nella casella “posta indesiderata”) allora forse è il caso di prendere alcune contromisure.

pensate-a-quanto-tempo-e-banda-di-rete-viene-persa-ogni-giorno

Prima di iniziare con i consigli, sapevi che il 59% di tutto il traffico mail è rappresentato da spam? Pensate a quanto tempo e banda di rete viene persa ogni giorno…

1. CREA UNA NUOVA CASELLA MAIL

E’ la soluzione più drastica ma in certi contesti necessaria. Creare una casella mail è gratuito e si ha il vantaggio di partire da zero con un indirizzo non ancora conosciuto e noto agli spammer. Il consiglio è di aprirla con servizi noti quali ad esempio Gmail oppure Outlook.com (di Microsoft) i quali hanno al loro interno dei sistemi anti-spam che limitano la loro ricezione, fermo restando che rimane sempre importante buttare un occhio settimanalmente alla cartella “posta indesiderata” per accertarsi che involontariamente non sia stata bloccata una mail NON di spam. I filtri sono automatici e non gestiti da persone (come potete ben capire) pertanto può capitare che ci siano falsi positivi.

2. NON COMUNICARE AL MONDO INTERO IL TUO INDIRIZZO

Quando ci si vuole registrare ad un servizio presente sul web
, è obbligatorio l’inserimento di una casella mail. Il consiglio è di NON utilizzare la casella mail personale bensì create una nuova casella mail che utilizzerete solo ed esclusivamente per i servizi online. Forse potrebbe stupirvi ma sappiate che ci sono alcuni servizi online che possono essere attaccati e di conseguenza i potenziali spammer possono accedere facilmente alla lista degli indirizzi mail degli iscritti al servizio “colpito”.

3. NON INOLTRARE MAIL ALLA RUBRICA INTERA

Potresti avere nella tua rubrica del PC indirizzi mail non più utilizzati dai diretti interessati bensì nel frattempo gli spammer sono riusciti ad averne accesso. La raccomandazione pertanto è di non spedire mail a tutta la vostra rubrica intera ma solo a destinatari selezionati da voi consapevoli che sono caselle mail regolarmente utilizzate dai vostri contatti

ridurre-spam-2

Il primo messaggio di SPAM della storia fu spedito nel 1978 su ARPANET (il precursore di internet) e da un certo punto di vista ebbe anche un discreto successo visto che erano reclamizzati dei PC e le vendite aumentarono grazie anche a questa forma pubblicitaria, successivamente di acqua ne è passata sotto i ponti e ora lo spam è considerata a giusto titolo posta spazzatura.

Per proseguire il viaggio, ecco altri 4 consigli per ridurre lo spam.

4. NON SCARICARE LE IMMAGINI PRESENTI

Forse ci avete fatto caso, ci sono mail dove viene richiesto di “scaricare automaticamente le immagini contenute”. La cosa di per sé non infetta il computer tuttavia, dando il vostro consenso, fate sì che lo spammer possa essere in grado, tramite tecniche di tracciamento (web beacon), di avere la certezza che l’indirizzo mail cui ha spedito la comunicazione sia ancora attivo. Andando dritti al punto, vi arriveranno ancora più mail spazzatura.

5. RIFIUTA LE COMUNICAZIONI PUBBLICITARIE

Questo è spesso presente nei servizi più seri, quando vi iscrivete, in fondo alla mail troverete un box dove è scritto “metti un segno di spunta per non ricevere le comunicazioni pubblicitarie nostre e dei partner”. Il consiglio ovviamente è di mettere un segno di spunta (o deselezionarla a seconda di come è formulata la frase) in modo da non ricevere successivamente mail pubblicitarie.

6. NON RISPONDERE ALLE MAIL DI SPAM

Spesso quando si riceve una mail di spam la tentazione è di rispondere scrivendo “BASTA!!! NON SPEDITEMI PIÙ QUESTE MAIL, AVETE ROTTO!!!”. Invece no, dovete fare il gioco del silenzio. Se rispondete non fate altro che comunicare a chi vi sta scrivendo (e che manco vi conosce personalmente…) che la vostra casella mail è attiva e regolarmente controllata. Pertanto vi arriverà ancora più pubblicità.

7. DISISCRIVITI DALLE NEWSLETTER

disiscriviti-newsletter

Alcune newsletter da parte di aziende note vengono considerate spam. Non contengono virus o malware ma materiale pubblicitario. Molto spesso in fondo a queste mail c’è una voce con scritto “Clicca qua per disiscriverti”. Se lo fate con le aziende serie sicuramente avrete modo di non ricevere più mail di quel tipo.

In merito alle mail, fai attenzione alla “Mail WhatsApp con messaggio vocale” e “Il Primo Spam della storia“.

Ciao dal Doc

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Seguimi sui Social, troverai tanto altro materiale extra :-)