Cos’è il RAID, spiegato a Mia Nonna

Ciao a tutti cari lettori e lettrici,
grazie a questo bel video in inglese (da cui ho tratto le immagini), cerco di spiegare in maniera semplicissima la gestione dati su hard disk tramite RAID, in varie puntate SEMPLICISSIME.
Alcuni di voi avranno attivo il RAID nel proprio PC senza saperlo, altri, la maggioranza presumo, non ce l’avranno. Ecco cosa succede in un PC senza RAID.

HARD DISK – SENZA RAID

Questo è Michele detto “Blondie”, con il suo bel cestino.
Il cestino rappresenta l’hard disk.
Le palline al suo interno rappresentano i dati in esso contenuti.  Quindi le palline sono i file in word, le foto dell’amante, il file in Excel dove sono scritte le spese inutili del condominio, eccetera eccetera…
Michele è felice perché tutto è a posto. E’ anche una persona amata.
senza raid

Un giorno Michele incontra Gaetano, con la sua bella camicia blu.

Gaetano impersonifica LA SFIGA. 

La Sfiga (quella con l’S maiuscola, non quella che ti fa trovare sempre il rosso al semaforo) aleggia sempre, nella vita così come negli hard disk.

senza raid
Ops… Gaetano ha colpito!!! L’hard disk è rotto... e i dati al suo interno… persi!

senza raid
Michele ha perso tutti i dati dal PC! Non la prende bene! Però non ci può fare nulla! Andrà a visitare il sito del Dottore dei Computer in preda alla disperazione più assoluta!senza raid


HARD DISK – RAID 1

Questo è Michele (soprannominato dagli amici “Pelo”).
I due cestini rappresentano gli hard disk.
Le palline colorate i dati in essi contenuti. 
Le palline hanno lo stesso colore da una parte e dall’altra. 
Sapete cosa significa?! Che lo stesso dato è memorizzato su un hard disk e sull’altro.

raid 1 (1)
Arriva Gaetano, con la sua solita camicia azzurra. Gaetano per chi se lo fosse dimenticato, rappresenta “La Sfiga”.

raid 1 (2)
Gaetano “ruba” un cestino. In sostanza significa che un hard disk si rompe… e risulta irrecuperabile!

raid 1 (3)
Michele nonostante tutto può continuare a sorridere. Grazie al Raid 1 non ha perso i suoi dati!

raid 1 (5)
Il Raid 1 può essere considerata un’ottima soluzione per la sicurezza dei dati contenuti… però spreca spazio su disco oltre che ad una maggiore lentezza nel lavorare sui dati in quanto lo stesso dato deve essere scritto due volte.

Ad esempio, se si utilizzano due hard disk da 1 Terabyte non si potranno sfruttare i 2 Terabyte, bensì 1 solo Terabyte (visto che uno dei due dischi è la copia dell’altro).

raid 1 (4)

HARD DISK – RAID 0

Questo è Michele (soprannominato dagli amici “Ape”).
Vediamo come funzionano gli hard disk in Raid 0.
Nell’esempio i 3 cilindri sono i 3 hard disk e le cifre all’interno 1 e 0 rappresentano i dati. Come vedete ogni dato è memorizzato in 1 solo dei 3 hard disk.

raid 0

Un soddisfatto Michele ci mostra ora i tre cestini che rappresentano gli hard disk.

Le palline colorate sono i dati in essi contenuti. Come potete vedere, hanno colori diversi in ogni cestino perché i vari dati sono memorizzati in maniera indifferente in un cestino o nell’altro.Notate però il cavo che lega i 3 hard disk.

Sapete cosa significa?! Che gli hard disk sono strettamente legati tra loro. Tra poco capirete perché.

raid 0
Ecco Gaetano con la sua sempre bellissima camicia azzurra, che impersonifica, qualora ve lo foste dimenticati, LA SFIGA. In particolare rappresenta la rottura di un hard disk.

Michele ignaro di tutto, è comunque soddisfatto, gli rimangono due hard disk.

raid 0
Michele tuttavia non si ricorda che i 3 cestini sono legati tra loro da un cavo… TUTTI I DATI SONO PERSI!

raid 0
Michele ha perso tutti i dati! Neanche l’implorazione di una entità divina gli consentirà di recuperarli!

raid 0
Il Raid 0 può essere considerata una ottima soluzione per la velocità… però ha uno svantaggio notevole come avete avuto modo di constatare. Se si rompe un hard disk, tutti i dati, anche quelli memorizzati negli hard disk “sani”, vengono persi!


HARD DISK – RAID 5

Questo è Michele (soprannominato dagli amici “Peluche”).
Vediamo ora come funzionano gli hard disk in Raid 5.
Nell’esempio i 3 cestini sono i 3 hard disk, mentre le palline all’interno rappresentano i dati.
Come potete vedere in un cestino c’è una pallina blu (es. un file in word), in un altro cestino una pallina verde (es. un file in excel).
Michele sta mettendo nel terzo cestino un file denominato blocco di parità, ci servirà più tardi.
E’ una sorta di unione dei due file (la pallina infatti è di colore blu e verde).
raid 5
Il blocco di parità (rappresentato dalla pallina blu e verde), viene messo da Michele nel terzo cestino, cioè il terzo hard disk. 
raid 5
Continua la scrittura dei dati nell’hard disk, i blocchi di parità non vengono messi sempre nello stesso hard disk, bensì vengono messi in maniera quasi casuale.  
 
Proseguendo, la pallina di parità verde e arancione viene messa in un altro cestino.

raid 5

Ecco Gaetano, con la sua camicia azzurra, il quale rappresentando LA SFIGA, rompe un hard disk! Tutti i dati in essi contenuti vengono persi! 
raid 5
Michele non si scompone! Sostituisce l’hard disk (cioè il cestino…) con uno nuovo completamente vuoto. Grazie ai blocchi di parità riesce a ricostruire tutti i dati persi!

raid 5

Il vantaggio di questa soluzione è quella di garantire una buona protezione dei dati (devono rompersi due hard disk simultaneamente per perdere tutto) e una discreta velocità (più rapido del Raid 1 e più lento del Raid 0) .In fase di installazione del terzo hard disk bisogna aspettare qualche ora perché tutti i dati vengano “ricostruiti” e tornino al loro posto!

HARD DISK – RAID 10

Il RAID10 è detto anche RAID 1+0. 
Questo dovrebbe farvi capire una cosa. Che il RAID10 è un insieme di 2 RAID, il RAID 0 e il RAID 1.
L’immagine seguente, presa da questo bel video di Spiceworks, dovrebbe chiarire un attimo le idee:

raid 10

Un sistema RAID 10 unisce la velocità del RAID 0 alla sicurezza dei dati del sistema RAID 1. Nell’esempio, con 4 dischi si può avere la capacità complessiva di 2 dischi con la velocità di scrittura di un sistema RAID0.

In queste spiegazioni dei vari sistemi RAID non ho utilizzato termini tecnici ma ho cercato il più possibile, senza stressare, di essere il più chiaro possibile anche per chi non è esperto!

Il video dove ho tratto le immagini.

Ciao dal Doc!

Condividi l'articolo con gli amici 🙂 -->
Facebook
Instagram
Twitter
YouTube
LinkedIn
RSS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Seguimi sui Social, troverai tanto altro materiale extra :-)